mercoledì 1 ottobre 2008

Ah, l'invidia! La più sincera forma d'ammirazione.

Ma è proprio vero?

Io mi ritrovo spesso a citare questa affermazione, e abbastanza spesso la condivido.

Oggi, per esempio, ho avuto un attimo di sincera ammirazione per un/a ignoto/a redattore dello spazio news di Libero.it cui, nella mia ignoranza, attribuivo la paternità - mo', che devo di' pure maternità per par condicio? - di un arguto calembour, usato per descrivere uno dei più aspirazionali palcoscenici mediatici dei giorni nostri:

IL CULENDARIO

Intendendo con tale termine quella patinata serie di fotoritocchi, pieni di lati B, che varie - soprattutto, ma c'è pure qualche maschio - personaggie o aspiranti tali utilizzano per veicolare o incrementare la loro presenza sulla scena attuale, a prescindere talvolta dalla loro appartenenza o meno al mondo dello spettacolo.

De', voglio di', questo la dice lunga sul mio IQ, però, siccome so' un ragazzo ('nzomma) umile ma onesto, non mi nascondo dietro a un dito. Lo so, è una cosetta, una bagattella, però io mi accontento di poco, e anche una battutina così mi dà soddisfazione.

Chiarito questo, e tralasciando la lunga e stucchevole lista di idee molto più serie, brillanti, socialmente ed economicamente utili della cui paternità ammetto di essere invidioso, vorrei sollevare un altro punto.

Non è che ogni volta che si prova invidia per qualcosa che qualcun altro ha raggiunto/ottenuto o più semplicemente detiene per qualsivoglia motivo - compreso il culo, in tutti i sensi - è sempre una forma di ammirazione quella che si manifesta.

Così, tanto per chiarire che non mi interessa essere nominato il Garrone del XXI secolo.

Checce vo' a di' so' invidioso de Gandhi, de Einstein, de Alessandro Bonino.

Ce vo' molta più corata - come si dice a Bolzano, mi pare - a dì so'nvidioso de Berlusconi.

Io, modestamente, quella corata, non ce ll'ho.

E pe'na volta, me ne vanto.

12 commenti:

eiochemipensavo ha detto...

essere invidiosi di me, è una cosa ben triste :D

cià :)

vix ha detto...

se lo dici tu, ci credo! ma che vuoi fare, quando si diventa personaggi si corrono certi rischi, tipo avere gente che manco conosci che t'invidia:D

Anonimo ha detto...

Confesso che anche io nutro sincera invidia. Ed ho imparato a convivere con lei da tanti anni.
Se dovessi un giorno separarmene mi toccherebbe pargale gli alimenti...
Si aggiunga che il suono del tuo nick mi aiuta a respirare meglio (sinusite)come dire la magia delle parole.

l'uomo blogiettile ha detto...

Chiedo la "r" di pargarle indietro ed in cambio aggiungo il mio nick
l'uomo blogiettile.

vix ha detto...

@ anonimo: chi t'oo fa' fa'? di separarti intendo. basta ignorarsi civilmente, senza lasciarsi il water sporco per dispetto;D

@ l'uomo blogiettile, il tuo ermetismo mi lascia completamente spiazzato :-o

Sba ha detto...

Anch'io sono invidioso dello Zyo, ma invidioso in senso buono, vorrei averla io la sua cultura, la sua intelligenza, e magari anche la sua ragazza ;) [con immen. risp. parl.]

vix ha detto...

AMMAZZA QUANTO SO' STUPIDO!

Scusa, l'uomo blogiettile! io mi dovrei chiamare l'uomo volpe, per la mia sagacia: non avevo capito che l'anonimo fossi tu.

benvenuto, comunque!

vix ha detto...

@ sba, naturalmente mi associo a tutto quello che dici tu, esclusa la ragazza. [con immen. risp. parl. ]
sono sposato, io!!!!;-)

eiochemipensavo ha detto...

anche sba è sposato (e peraltro non l'ha mica mai vista, credo :) )

vix ha detto...

@ eio
e ce lo so che è sposato, il marrano. ma tanto lui c'ha la licenza di esprimere:-D chissà ieri sera che c'era la D'Amico...

Sba ha detto...

Comunque, ragazza a parte (obviously), io provo una forma d'invidia creativa verso chi scrive cose piacevoli e che mi fanno sorridere. Vorrei trovare io dentro di me queste energie che aiutano a campare con più ironia e meno scazzo.

Che poi non servirebbe a niente, ci siete già voi a farlo per me :)

vix ha detto...

OI Gio'! ci credi che sto ancora al lavoro a quest'ora: me invidi???

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)