martedì 22 luglio 2008

masticare amaro: la saggezza dei maestri e la realtà dei fatti.


"Nothing makes a bad product fail faster than a great advertising campaign."
Bill Bernbach.
Chiaro, no? Se un prodotto fa schifo veramente, una buona campagna pubblicitaria non può che dargli una mano a sprofondare prima. Perché, amplificando la popolarità del prodotto e quindi la potenziale esposizione al pubblico della sua inadeguatezza, il processo di fallimento accelera inevitabilmente. Ora, premesso che io stimo e adoro tutto il lavoro di Bernbach, anzi sono completamente soggiogato dalla sua disarmante perspicacia, alcuni dubbi laceranti mi balenano nella mente come raffiche di luce fastidiosa. Anzi mi sento bruciare e paralizzare da un antinomia insopportabile (cazzo vuol dire?).

O Berlusconi non è il grande pubblicitario che molti dipingono oppure, salvo ognuno, non fa così schifo quanto penso?

Io propendo per la prima ipotesi.
Senza dubbio.
Altrimenti mi crollerebbero contemporaneamente due miti.
La realtà è ancora più amara, così amara che mi fa male a dirla. Mastica amaro, mi dico, mastica...che ti passa.

2 commenti:

mic ha detto...

Mister Bernbach, forse, non prende in considerazione a QUALE tipo di pubblico il "pessimo prodotto" verrà esposto. Se sono inadeguati sia il pubblico sia il prodotto, credo che l'effetto sia catastrofico. Se per qualcuno fosse una consolazione, siamo i testimoni privilegiati di un controsenso e di un'antitesi, purtroppo per niente pubblicitaria.

vix ha detto...

analisi lucidissima e spietata.
ci penso...
in effetti c'è qualcosa di contraddittorio, ma talvolta le contraddizioni sono solo apparenti.
è che la realtà ha molte più facce di quelle che noi riusciamo ad incartare in un bel ragionamento.
forse.

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)