giovedì 17 luglio 2008

perché non è detto che tutti quelli che fanno delle cose che ti piacciono, poi non siano dei gran pezzi di merda.

Allora, cerco di spiegare, ma forse è chiaro. Lo spunto per questa considerazione me l'ha dato questo video



Mo' tutti hanno diritto di averci i cinque minuti. E anche di scavalcare il tabù del personaggio pubblico che deve essere irreprensibile sempre, in qualsiasi momento sia fuori - ma persino dentro - casa. Ma insomma, se te vai a pija' un caffè a un diner, da solo, senza compagnie compromettenti, e un paparazzinger ti fa una ripresa con la videocamera, non è che t'ha rubato una scena del film che hai in lavorazione. Non t'ha compromesso la reputazione. Però, oh, ognuno cià diritto de avecce i cinque minuti. O no?
Che poi, pòro Quentin, in realtà erano solo pochi secondi. Sai com'è quando viaggi veloce...

3 commenti:

mic ha detto...

Che posso dire io, che i 5 minuti ce li ho ogni 5 minuti....
Assolto il pòro Quentin, assolti tutti.

vix ha detto...

sì, certo, i 5 minuti ce li possono avere tutti.
ma ci sono diverse testimonianze video delle intemperanze del pòro Quentin, tipo quando sputa ad un cameraman a Cannes (se non sbaglio).
quando sei spesso su di giri, tendi a tracimare, calpestando i limiti del rispetto per la persona, al di là della professione.

mic ha detto...

Gli artisti non "si ragionano" sono sempre più convinta, e contenta, del distacco dalla realta che li segue.
(mi piacerebbe dire "ci" ma non lo dico).

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)