mercoledì 28 aprile 2010

Miele e spine.


Il derviscio contiene nel suo cuore tutto il dolore che l’esistenza gli riversa ogni giorno. Come fa? Non può fare altrimenti. Il derviscio è tutto nel cuore. Ma il derviscio sa e sente che egli stesso è contenuto in un cuore più grande, pieno di miele e spine, lame taglienti e petali di rosa, fuoco e ventagli di pavone. Il derviscio è ubriaco della bellezza e accoglie tutto con un sorriso che talvolta non si vede. Non si vede perché il corpo talvolta non riesce a trasformare il dolore come fa il cuore del derviscio. Il cuore del derviscio se la ride sotto i baffi con amabile dolcezza, consapevole dell’immensità dell’amore. Ma il suo corpo cade a pezzi, sotto i colpi dell’eterno alternarsi di luce ed ombra, impossibile da rifiutare, soprattutto per il derviscio, che riconosce e ringrazia l’occasione di imparare una lezione difficile e ripetuta per molte vite. E, dopo, il derviscio ringrazia ancora. Perché ricorda una briciola in più della storia che l’ha portato a quel punto esatto, ricorda una briciola in più della beatitudine da cui si è lasciato allontanare, nel buio dell’assenza del cuore, nel regno della mente calcolatrice. Ricorda che, per quanto se ne senta lontano, in quella natura beata sempre egli alberga. Ricordare e ringraziare sono gli ingredienti della medicina assoluta del derviscio: la riconoscenza. Ricordando riconosce e riconoscendo ringrazia. Questa ruota non si ferma mai.

2 commenti:

simple ha detto...

Ne ho visto solo uno, ma quella ruota è indimenticabile

vix ha detto...

infatti, cla, è solo ricordabile;)
eppure è un movimento così naturale: questa palla di acqua e terra che ciabbiamo sotto i piedi non fa altro da quando esiste...

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)