lunedì 15 febbraio 2010

Accompagnare il colpo.


Non sto parlando di sport, ma avere uno spirito sportivo torna utile. Mi riferisco ad una tecnica energetica taoista, descritta da un simpatico paraculo conosciuto da alcuni (anche parecchi) con il nome di Barefoot Doctor. Questo signore, responsabile di una flashosa vulgata della millenaria saggezza di Lao Tsu, raccomanda a tutti gli aspiranti Urban Warriors – più urbani che guerrieri, mi preme aggiungere – l’apprendimento di questa tecnica di incasso. Anche qui, non parlo di pugni, di recupero crediti o di elettrodomestici, ma della capacità di reagire con prontezza agli inattesi colpi che il Day by Day può somministrare, per saggiare i nostri riflessi e la nostra centratura. Accompagnando il colpo se ne può attutire la potenza e minimizzare i danni. Quanto meno fisicamente. L’ottimo sarebbe mantenere una serena imperturbabilità, un’elasticità che ti permetta di rimbalzare in piedi e, possibilmente, riutilizzare l’energia cinetica per rispondere al colpo. O scappare, se necessario a preservare l’esistenza in vita.
Certi colpi, però, anche quando non sono fisici, possono lasciare un segno persino se accompagnati. Oppure se accompagnati con poca convinzione e prontezza.
O magari, semplicemente perché il colpo è stato percepito ad un livello così sottile che, penetrando in profondità come una freccia nell’acqua, pur lasciando la superficie quasi indisturbata, è giunto a colpire il bersaglio nascosto. Certe volte, occorre dirlo, anche indipendentemente dalla volontà di chi è stato utilizzato come vettore del colpo, se non addirittura a sua completa insaputa.
In ogni caso, il mio personale consiglio è quello di non cercare di sorridere a tutti i costi. Ma di prenotare mentalmente una sessione catartica, per scaricare l’energia che, da dinamica diverrebbe statica, provocando surriscaldamenti del sistema, oltremodo dannosi a breve, medio e, ancor più, a lungo termine.
Va bene tutto, a patto sia innocuo: dalla partita di squash con un partner fidato alla salva di bestemmie da brivido – a debita distanza da orecchie sensibili.
Come integrazione, vestirsi di nero, portare occhiali scuri, indossare o portare con sé talismani di protezione può aiutare.
Ah, una Walther P38 tende a non essere considerata talismano.
Tanta salute a tutti.


P.S. Stephen Russell a.k.a Barefoot Doctor sarà (è)pure un paraculo, ma ha molti meriti ed io gli sono grato.

2 commenti:

LaCò ha detto...

La resistenza agli avversi strale è la più sottile forma di disprezzo, ed il disprezzo mi piace da morire

vix ha detto...

bella e maledetta! così me piaci...

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)