martedì 17 marzo 2009

THE FINAL COUNTDOWN: -3




La locandina non è autoesplicativa. Anzi. Cosa sarà mai questo evento? La riedizione italiana di un horror cult movie? In una libreria, per giunta?
Niente di tutto questo. Sulla natura della performance, però, preferisco lasciar parlare gli autori.
Che succede quando un poeta e uno scrittore si incontrano o, meglio, lasciano che a incontrarsi siano le rispettive parole?
Succede come nel titolo di questo reading: i loro mondi si studiano, si toccano, si fondono per poi tornare indipendenti come sempre, ma solo in apparenza uguali a prima.
Le vicende di Brandon Sclero, raccontate da Mauro Gasparini, si snodano intorno alla motosega poetica di Guido Catalano, in un andirivieni di voci che parte dall’anarchia inconsapevole dell’infanzia per arrivare al disincanto dell’età adulta.

Il tempo dei racconti di Brandon è il 1972, l’anno in cui succede di tutto: a Brandon novenne, al paese di Daulo Inferiore e al Paese in generale. Tra leggende su quattro ruote che escono di produzione e leggi taumaturgiche come quella sull'obiezione di coscienza, si scoprono il bisogno di libertà e l'amore, l'ideologia e il senso di inadeguatezza, le dimensioni del mondo e le bugie del destino.

La motosega di Guido scardina la diffidenza dello spettatore con l’abbraccio di una giocosità che si fa risata, con un pensiero tanto disarmante da farci lasciare l’anima sguarnita, poi affonda, sfilando dai cuori sentimenti che non possono che appartenere all’umanità intera, ancora sanguinanti, nudi, talmente veri da suscitare nuove risate.

Racconti e poesie d’amore, non d’amore e del terzo tipo per grandi e piccini.


E' un modo sano di passare un venerdì sera, un'occasione per far prendere una boccata d'aria ai neuroni incaricati del nostro buonumore, un pretesto per regalarsi un'uscita serale al alto tasso di divertimento e budget zero.
E aspettare il primo giorno di primavera col sorriso sulle labbra.

5 commenti:

fatacarabina - remedios ha detto...

secondo me ti pagano e mò ti link su Friendfeed

vix ha detto...

fata, mi offendi!
comunque mi sono friendfeedato anch'io, se beccheremo pure lì ;-)

fatacarabina - remedios ha detto...

Se dici che ti offendi, vengo là!! Ti prendevo lievemente in giro...

Confinidiversi ha detto...

Ma n'do' stà ? A Roma?
Mannaggia.. io ho visto (sentito) i reading di Paolo Nori qualche settimana fa, a Bologna!

vix ha detto...

Confini, devi venire! E devi anche questionare con i due, con la tua articolata vis polemica ;-)
Stai lontano?

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)