lunedì 22 novembre 2010

Brown shoes don't make it.



Brown shoes
Don't make it
Brown shoes
Don't make it
Quit school
Why fake it?
Brown shoes
Don't make it...

TV dinner by the pool
Watch your brother grow a beard
Got another year of school
You're okay--he's too weird
Be a plumber
He's a bummer
He's a bummer
Every summer
Be a loyal plastic robot for a world that doesn't care...
Smile at every ugly
Shine on your shoes & cut your hair

Be a joik
And go t' woik
Be a joik
And go t' woik
Be a joik
And go t' woik
Be a joik
And go t' woik
Do your job & do it right
Life's a ball
TV tonight...
Do you love it?
Do you hate it?
There it is...
The way you made it...
YARRRRRRRRRRRGH-H-H!

A world of secret hungers
Perverting the men who make your laws
Every desire is hidden away
In a drawer... in a desk
By a naugahyde chair
On a rug where they walk and drool
Past the girls in the office

Hratche-plche
Hratche-plche
Hratche-plche
Hratche-plche

We see in the back of the City Hall mind
The dream of a girl about thirteen
Off with her clothes and into a bed
Where she tickles his fancy all night lonnnnnnnnng

His wife's attending an orchid show
She squealed for a week to get him to go
But back in the bed, his teen-age queen
Is rocking & rolling & acting obscene
Baby baby
Hratche-plche
Hratche-plche
Baby baby
Hratche-plche
Hratche-plche

And he loves it! He loves it! It curls up his toes
She bites his fat neck and it lights up his nose
But he cannot be fooled, old City Hall Fred
She's nasty! She's nasty! She digs it in bed!

Do it again and do it some more
That does it by golly, it's nasty for sure
Nasty nasty nasty, nasty nasty nasty
(Only thirteen and she knows how to nasty...)

She's a dirty young mind
Corrupted, corroded
Well she's thirteen today
And I hear she gets loaded
P-pum-m-mum-m-mum-m-mum
P-pum-m-mum-m-mum-m-mum
P-bum

If she were my daughter, I'd...
What would you do daddy?
If she were my daughter, I'd...
What would you do daddy?
If she were my daughter, I'd...
What would you do daddy?
Smother my daughter in chocolate syrup
And strap her on again, oh baby!
Smother that girl in chocolate syrup
And strap her on again
She's a teen-age baby and she turns me on
I'd like to make her do a nasty on the White House lawn
Gonna smother that girl in chocolate syrup -
And boogie till the cows come home

Time to go home - Madge is on the phone
Gotta meet the Gurney's
And a dozen grey attorneys
TV dinner by the pool
I'm so glad I finished school
Life is such a ball
I run the world from City Hall!


Era il 1967 - l'anno della Summer of Love, del primo album dei Doors, del tripudio della psichedelia - e Frank con i suoi Mothers sparigliavano con questo capolavoro, che altri hanno già descritto con una competenza per me inarrivabile (un esempio al volo lo trovate qui). I motivi per cui ho intrapreso questa minidivulgativa cronologica sono due o tre: il primo è, come al solito, che ho nientedadire; il secondo è di carattere celebrativo - a dicembre ricorrono gli anniversari della morte e della nascita di Frank (pbuh); il terzo è per confortare la mia retrograda convinzione che il rock, al giorno d'oggi, abbia veramente poco di originale da esprimere. E me ne dispiaccio, ma sono aperto a suggerimenti, if any.

4 commenti:

neropositivo ha detto...

tenkiu :)

vix ha detto...

may plesciur :)

LaCò ha detto...

Non so se il rock abbia ancora qualcosa da dire, certo è che la dice peggio e per questo non ce ne accorgiamo.

vix ha detto...

Sai, Cò, io magari rischio di passare per nostalgico - e vista l'età, ci sta tutto - ed ho anche la grande pecca di aver scavalcato il Rock degli anni '90, che pure ha espresso dei notevoli talenti (fra tutti Pearl Jam, Nirvana, RHCP, Radiohead), perché ero in full immersion nella etnica e suoi derivati, eppure non mi sembra che ci siano stati, dopo il punk, dei veri breakthrough ma solo epigoni più o meno originali e dotati di gruppi del passato. Mo' spernacchiateme tutti ;D

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)