mercoledì 24 novembre 2010

Lumpy Gravy.



Riscolto questa deliziosa suite con stupore immutato e ammirazione sconfinata - soprattutto ora che ho appena rivisto una delle ultime interviste di Frank, provato dalla malattia terminale eppure "chirurgico" nelle risposte, lucido e impeccabile, capace persino di farsi una risata, nonostante l'evidente tributo di dolore accumulato. Lumpy Gravy è cronologicamente il 4° album della discografia di Frank, ufficialmente il primo senza i Mothers Of Invention, anche se diversi elementi del gruppo partecipano a questo ambizioso progetto orchestrale che ha coivolto una pletora di musicisti - per la lista completa rimando a Wiki Jawaka. Come al solito, mi astengo dal recensire il lavoro del maestro, ma linko una review pescata online che mi è sembrata abbastanza esauriente. Ricordo che questa serie di post dedicati all' arte di Frank Zappa precedono - e inevitabilmente seguiranno - la ricorrenza della sua morte (4 dicembre 1993) e, forse, giungeranno all'anniversario della sua nascita (21 dicembre 1940). Forse non saranno a cadenza giornaliera, ma tentativamente seguiranno la cronologia degli album. Per un paio di mesetti buoni, quindi, nientedadire avrà sicuramente qualcosa di buono da farvi ascoltare.

martedì 23 novembre 2010

What's the ugliest part of your body?



What's the ugliest
Part of your body?
What's the ugliest
Part of your body?
Some say your nose
Some say your toes
(I think it's your mind)
But I think it's YOUR MIND
(Your mind)
I think it's your mind, woo woo

ALL YOUR CHILDREN ARE POOR
UNFORTUNATE VICTIMS OF
SYSTEMS BEYOND THEIR CONTROL
A PLAGUE UPON YOUR IGNORANCE & THE GRAY
DESPAIR OF YOUR UGLY LIFE

Where did Annie go
When she went to town?
Who are all those creeps
That she brings around?

ALL YOUR CHILDREN ARE POOR
UNFORTUNATE VICTIMS OF LIES YOU BELIEVE
A PLAGUE UPON YOUR IGNORANCE THAT KEEPS
THE YOUNG FROM THE TRUTH THEY DESERVE . . .


Pochissimo da aggiungere a questo gioiellino (tratto dal terzo album di Frank registrato con i Mothers nel '68, "We're only in it for the money") che condensa in poco più di un minuto un messaggio terrificante, servito con leggiadria doo-wop. A chi si riferiva Frank? A chi dedicava questa canzone? Alla generazione precedente alla sua - evidentemente - alla classe media, benpensante, moderata, WASP e bigotta che costituiva (costituisce?)lo zoccolo duro del sistema americano.
Possiamo noi oggi, più di 40 anni dopo, vedere forse delle attinenze con la nostra attuale, evolutissima realtà sociale?*
L'orazione civile c'è stata ieri sera. Io non ho contributi rilevanti da aggiungervi. La lascio echeggiare nella mia mente - la parte più brutta del mio corpo, come canta Frank - e spero di trasferirne gli effetti positivi nel mio fare. Sarà difficile, altrimenti, offrire a mio figlio un sistema migliore di quello fantasmagorico in cui stiamo sprofondando.

*(qui ci sarebbero andati degli emoticon per non rischiare di essere frainteso, ma correrò il rischio.)

lunedì 22 novembre 2010

Brown shoes don't make it.



Brown shoes
Don't make it
Brown shoes
Don't make it
Quit school
Why fake it?
Brown shoes
Don't make it...

TV dinner by the pool
Watch your brother grow a beard
Got another year of school
You're okay--he's too weird
Be a plumber
He's a bummer
He's a bummer
Every summer
Be a loyal plastic robot for a world that doesn't care...
Smile at every ugly
Shine on your shoes & cut your hair

Be a joik
And go t' woik
Be a joik
And go t' woik
Be a joik
And go t' woik
Be a joik
And go t' woik
Do your job & do it right
Life's a ball
TV tonight...
Do you love it?
Do you hate it?
There it is...
The way you made it...
YARRRRRRRRRRRGH-H-H!

A world of secret hungers
Perverting the men who make your laws
Every desire is hidden away
In a drawer... in a desk
By a naugahyde chair
On a rug where they walk and drool
Past the girls in the office

Hratche-plche
Hratche-plche
Hratche-plche
Hratche-plche

We see in the back of the City Hall mind
The dream of a girl about thirteen
Off with her clothes and into a bed
Where she tickles his fancy all night lonnnnnnnnng

His wife's attending an orchid show
She squealed for a week to get him to go
But back in the bed, his teen-age queen
Is rocking & rolling & acting obscene
Baby baby
Hratche-plche
Hratche-plche
Baby baby
Hratche-plche
Hratche-plche

And he loves it! He loves it! It curls up his toes
She bites his fat neck and it lights up his nose
But he cannot be fooled, old City Hall Fred
She's nasty! She's nasty! She digs it in bed!

Do it again and do it some more
That does it by golly, it's nasty for sure
Nasty nasty nasty, nasty nasty nasty
(Only thirteen and she knows how to nasty...)

She's a dirty young mind
Corrupted, corroded
Well she's thirteen today
And I hear she gets loaded
P-pum-m-mum-m-mum-m-mum
P-pum-m-mum-m-mum-m-mum
P-bum

If she were my daughter, I'd...
What would you do daddy?
If she were my daughter, I'd...
What would you do daddy?
If she were my daughter, I'd...
What would you do daddy?
Smother my daughter in chocolate syrup
And strap her on again, oh baby!
Smother that girl in chocolate syrup
And strap her on again
She's a teen-age baby and she turns me on
I'd like to make her do a nasty on the White House lawn
Gonna smother that girl in chocolate syrup -
And boogie till the cows come home

Time to go home - Madge is on the phone
Gotta meet the Gurney's
And a dozen grey attorneys
TV dinner by the pool
I'm so glad I finished school
Life is such a ball
I run the world from City Hall!


Era il 1967 - l'anno della Summer of Love, del primo album dei Doors, del tripudio della psichedelia - e Frank con i suoi Mothers sparigliavano con questo capolavoro, che altri hanno già descritto con una competenza per me inarrivabile (un esempio al volo lo trovate qui). I motivi per cui ho intrapreso questa minidivulgativa cronologica sono due o tre: il primo è, come al solito, che ho nientedadire; il secondo è di carattere celebrativo - a dicembre ricorrono gli anniversari della morte e della nascita di Frank (pbuh); il terzo è per confortare la mia retrograda convinzione che il rock, al giorno d'oggi, abbia veramente poco di originale da esprimere. E me ne dispiaccio, ma sono aperto a suggerimenti, if any.

venerdì 19 novembre 2010

Trouble Every Day




Well I'm about to get sick
From watchin' my TV
Been checkin' out the news
Until my eyeballs fail to see
I mean to say that every day
Is just another rotten mess
And when it's gonna change, my friend
Is anybody's guess

So I'm watchin' and I'm waitin'
Hopin' for the best
Even think I'll go to prayin'
Every time I hear 'em sayin'
That there's no way to delay
That trouble comin' every day
No way to delay
That trouble comin' every day

Wednesday I watched the riot . . .
Seen the cops out on the street
Watched 'em throwin' rocks and stuff
And chokin' in the heat
Listened to reports
About the whisky passin' 'round
Seen the smoke and fire
And the market burnin' down
Watched while everybody
On his street would take a turn
To stomp and smash and bash and crash
And slash and bust and burn

And I'm watchin' and I'm waitin'
Hopin' for the best
Even think I'll go to prayin'
Every time I hear 'em sayin'
That there's no way to delay
That trouble comin' every day
No way to delay
That trouble comin' every day

Well, you can cool it,
You can heat it . . .
'Cause, baby, I don't need it . . .
Take your TV tube and eat it
'N all that phony stuff on sports
'N all the unconfirmed reports
You know I watched that rotten box
Until my head begin to hurt
From checkin' out the way
The newsman say they get the dirt
Before the guys on channel so-and-so

And further they assert
That any show they'll interrupt
To bring you news if it comes up
They say that if the place blows up
They will be the first to tell,
Because the boys they got downtown
Are workin' hard and doin' swell,
And if anybody gets the news
Before it hits the street,
They say that no one blabs it faster
Their coverage can't be beat

And if another woman driver
Gets machine-gunned from her seat
They'll send some joker with a brownie
And you'll see it all complete

So I'm watchin' and I'm waitin'
Hopin' for the best
Even think I'll go to prayin'
Every time I hear 'em sayin'
That there's no way to delay
That trouble comin' every day
No way to delay
That trouble comin' every day

Hey, you know something people?
I'm not black
But there's a whole lots a times
I wish I could say I'm not white

Well, I seen the fires burnin'
And the local people turnin'
On the merchants and the shops
Who used to sell their brooms and mops
And every other household item
Watched the mob just turn and bite 'em
And they say it served 'em right
Because a few of them are white,
And it's the same across the nation
Black and white discrimination
Yellin' "You can't understand me!"
'N all that other jazz they hand me
In the papers and TV and
All that mass stupidity
That seems to grow more every day
Each time you hear some nitwit say
He wants to go and do you in
Because the color of your skin
Just don't appeal to him
(No matter if it's black or white)
Because he's out for blood tonight

You know we got to sit around at home
And watch this thing begin
But I bet there won't be many live
To see it really end
'Cause the fire in the street
Ain't like the fire in the heart
And in the eyes of all these people
Don't you know that this could start
On any street in any town
In any state if any clown
Decides that now's the time to fight
For some ideal he thinks is right
And if a million more agree
There ain't no Great Society
As it applies to you and me
Our country isn't free
And the law refuses to see
If all that you can ever be
Is just a lousy janitor
Unless your uncle owns a store
You know that five in every four
Just won't amount to nothin' more
Gonna watch the rats go across the floor
And make up songs about being poor

Blow your harmonica, son!


No comment. Just thanks.

mercoledì 17 novembre 2010

Sette per sette.

Età e salute: i cicli Sufi della vita umana

Gli obiettivi del risanamento per ogni età



La vita intera è suddivisa in una serie di cicli settennali (Fig. 1). Al termine d’ogni ciclo sperimentiamo un certo peggioramento della salute che è legato al rinnovamento del nostro organismo. “I germi” di parecchie malattie croniche appaiono proprio al limite d’ogni sette anni della vita umana. Questi dati si accordano con la scienza moderna secondo cui le persone cambiano ogni cinque-sette anni. Se nella fase di declino temporaneo s’inizia ad assumere farmaci alimentando la malattia, c’è il rischio che essa diventi una compagna per l’intera vita. Non ha senso, naturalmente, restare a braccia conserte: in questo libro ho cercato di raccontare le più efficaci pratiche Sufi, che consentono al lettore di sostenere nei momenti più difficili il suo corpo.

Fino a 40 anni una persona utilizza il potenziale energetico che è stato fornito dai suoi genitori.

Verso i 42 anni iniziano i problemi legati al calo energetico, cosicché l’individuo non riesce a riempire le sue riserve energetiche a causa “di blocchi” e per l’incapacità di armonizzare la vita. Nel migliore dei casi, vi è un leggero affaticamento, mentre nel peggiore arrivano malattie e depressione.

La maggioranza della gente che ha superato il limite dei 42 anni, conserva i comportamenti acquisiti durante la sua vita passata, persino l’espressione facciale.


Quindi, da oggi in poi, comincio un nuovo ciclo, l'ottavo, sul quale mi accingo a pedalare verso un'auspicata floridità, saggezza e salute. Il bagaglio è quello che è, ma non mi lamento. Sudare è previsto, forare si spera di no. Ad ogni modo, mash'allah.

PS. Cliccando sul titolo del post si arriva al blog da cui ho tratto il brano postato qui sopra. E' pieno di pensieri, approfondimenti, indicazioni e persino ricette per un percorso di integrazione spirituale, secondo la tradizione Sufi. Buona lettura.

lunedì 15 novembre 2010

Pe' nun sape' né legge' né scrive'.

Rimuginando contortamente, sbuffando, trascinando i piedi, in senso metaforico, mi metto davanti a questa pagina bianca, senza angoscia però anche senza un qualcosa di rilevante da dire. Solo un po' di nostalgia di quando mi sembrava di trovare spunti e stimoli in quello che leggevo, che vedevo o che sentivo, una serie di scatole concatenate di suggestioni che, aperte in successione, mi portavano talvolta lontano dal punto di partenza. E non è non stia assorbendo stimoli interessanti dall'esterno, anzi, ho tre libri in ballo che alterno nei momenti della giornata - come se fossero amanti sempre disponibili. Ma dico per dire, ve', che se mia moglie legge questo post poi si spaventa.
Per esempio, un po' trascurato sul comodino, dopo esser stato consumato con curiosità ma senza convinzione e poi abbandonato dopo aver visto il film, c'è "The Ghost Writer" - mind you, non quello di Philip Roth ma quello di Robert Harris. Sembra che quest'ultimo sia stato un best seller, ci si è scomodato persino Roman Polansky, con tanto di citazioni hitchcockiane e un cast di tutto rispetto. Ma a me è sembrato un po' raffazzonato. E non un pageturner, come un Grisham o King dei tempi belli. Per cui resta abbandonato, vicino al letto, in attesa dei miei pietosi ultimi colpi.
Insieme a quello avevo acquistato una scatola di cioccolatini amarognoli, che tengo sempre in borsa per inattese file alla posta (o le fisiologiche pause tecniche in sala di montaggio): "Diario degli Errori", una raccolta di appunti di Ennio Flaiano, vergati dall'autore lungo un arco di vent'anni ('50/'70). Ci sono impressioni di viaggi (tanti, beato lui), aforismi, ritratti di persone incontrate o semplicemente viste, battute e spunti per storie e film. Gustoso e, come detto, tendenzialmente amaro, ma non avvincente. D'altronde è, per natura e struttura, un prodotto da sbocconcellare così, senza impegno ma non senza soddisfazione.
La "favorita", per così dire, del momento, il libro che negli ultimi giorni è riuscito a catturare la mia passione, tanto da farsi portare a spasso, per casa e fuori, in ogni momento libero, è una biografia. Confesso che la passione che nutro per il protagonista è il primo driver, che mi ha fatto scavalcare anche i miei obiettivi limiti linguistici, ma man mano che procedo nella lettura devo ammettere che l'autore ne abbia messa altrettanta nella ricerca, quindi è un buon baratto. Di più, in realtà, perché Luis-Jean Calvet non si limita a riferire fatti, aneddoti e testimonianze, ma analizza con competenza e, di nuovo, passione il lavoro del protagonista, sia dal punto di vista linguistico, campo principale della sua competenza, che musicale. Non voglio giocare agli indovinelli, sto parlando del lavoro notevole che il professor Calvet (anch'egli possessore di biografia degna di nota) ha dedicato al mio amato Georges Brassens. E' chiaro che, agli occhi di un fan, seppur dell'ultim'ora qual io sono, ogni dettaglio del proprio idolo prende una luce particolare. Nel mio caso, è la solidità dei valori umani di Brassens, soprattutto quelli dell'amicizia e della riconoscenza che emergono dai racconti, a rafforzare la mia stima e il mio interesse.
Sono un uomo all'antica, in un mondo in cui i settantenni rifatti corrono appresso alla...
come si chiama?
Ah, già, il blasone.

venerdì 5 novembre 2010

Bruscolini amari.




Avendo dato fondo all’incommensurabile patrimonio familiare di bestemmie, non si perse d’animo e improvvisò, cogliendo di sorpresa anche se stesso. Si chinò a raccogliere manciate di ghiande e cominciò a scagliarle scompostamente verso il cielo, gridando con quanto fiato aveva in gola: “Tiè, abbuffate!”


Si ritrovò a confrontarsi con una domanda cui non sapeva assolutamente rispondere. Gli tornò allora alla mente, condensata in un unico aforisma, l’illuminante saggezza del suo maestro: “Quando tutto lo scibile umano lo avrai scito, ti resterà ignoto solo lo ignobile.” Serenamente accettò la sua sconfitta e lascio incompleto il Bartezzaghi.



Mentre quasi tutte le sue colleghe investivano centinaie di euri per acquisire quella soffice corazza sociale incorporata nei twin set di cachemire quattrofili, lei aveva sempre preferito abbandonarsi alla rilassante confortevolezza dei twin set di canapa indiana: prima un bel trombone, poi il richiamino.

Etichette

accompagnare il colpo (1) acido (1) addio (2) advertising (1) aloneness (1) animali (2) anni '70 (2) ansia (1) antichrist (1) aria (1) aristotele (1) arrivederci (1) AS ROMA (3) assenza (1) ASTI (1) autocommiserazione (2) autoindulgenza (1) bambini (3) barefoot (2) Basho (1) bestemmie (2) BRASSENS (10) campari (1) capomissione (1) catarsi (2) cazzate (1) chinotto (1) cibo (1) cinismo (1) Claudio (1) co-dependency (1) combinazioni (2) consapevolezza (2) convitato (1) cubanocho (1) culo (1) derviscio (1) desiderio (1) dialetto (2) dignità (1) Dio (2) divina (1) essere umani (2) google (1) gratitudine (4) grazie (2) Hafez (3) Hagakure (1) haiku (1) haiti (8) ignoranza (3) imprecazioni (1) infischiarsene (1) integrità (1) intenzione (2) iperboli (1) libertà (1) loneliness (1) macchina (1) macrobiotica (2) maestri (3) maiali (1) manifestazione (1) Martissant (3) mauvaisereputation (1) max cosci (1) medici senza frontiere (4) merda (5) meritocrazia (1) messaggero (1) Mevlana (1) MIMMO FERRETTI (1) missione (2) misticismo (1) mitchell (1) mondegreen (1) morte (2) msf (5) mutande (1) nazismo (1) neologismo (1) Neropositivo (1) obama (2) ombra (1) orwell (1) Osho (4) ospedali (2) Papà (2) papaveri (2) parola (2) parolacce (1) parole (2) passione (1) patata (2) paura (1) petrolini (1) piacioni (1) poesia (5) preparazione (1) presente (3) primal (1) prostituzione (2) pubblicità (1) religione (1) repubblica (2) ricetta (3) riconoscenza (2) rifarsi (2) ringraziamento (3) romanesco (4) Rumi (4) samurai (1) sardegna (1) schifo. vergogna (1) serendipity (1) silenzio (6) sinistra (1) solità (1) solodarietà (1) sopravvivenza (1) stronzosauri (1) stupidità (1) sufi (12) superficialità (1) t.s. eliot (1) tao (3) taoismo (2) tempo (1) terra. (1) terremoto (1) tips (1) tofu (1) topica (1) traduzione (2) transgressione (1) turpiloquio (1) umanità (1) umiliazione (1) umore (1) vaffanculo (1) vanità (1) vegetariano (1) verbosità (1) vergogna (2) verità (3) vetriolo (2) viale marconi (1) video (1) vignette (1) vino (1) violenza (1) volontà (2) vuoto (4) yin e yang (1)